Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. III del 2004 numero 8605 (06/05/2004)


La confideiussione implica l'esistenza di un collegamento tra le obbligazioni assunte dai singoli fideiussori. Nel senso che questi, mossi da un interesse comune, ed essendo ciascuno consapevole, nel momento in cui presta la propria, dell'esistenza delle altre fideiussioni, garantiscono congiuntamente, anche se non contestualmente, lo stesso debito e il medesimo debitore, salva la divisione nei rapporti interni in virtù del diritto di regresso. Non sussiste, invece, una confideiussione, ma una pluralità di autonome fideiussioni, che non danno diritto all'azione di regresso, quando più persone assumono la garanzia per l'intero debito, ciascuna ignorando l'assunzione dell'altra o, in ogni caso, in assenza di un collegamento dovuto a un interesse comune dei garanti.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. III del 2004 numero 8605 (06/05/2004)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto