Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. III del 2004 numero 22593 (01/12/2004)


Ai prossimi congiunti di una persona che abbia riportato lesioni personali a causa di un fatto illecito di un terzo va accordato il risarcimento del danno morale concretamente accertato, quale componente del danno non patrimoniale ex art. 2059 c.c.; non deve invece essere risarcito il danno alla serenità familiare, poiché la tutela dell'interesse costituzionalmente protetto all'intangibilità della sfera degli affetti nell'ambito del consorzio familiare è circoscritta all'ipotesi, più grave, di uccisione del congiunto, attraverso il risarcimento del danno non patrimoniale da perdita del rapporto parentale.

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. III del 2004 numero 22593 (01/12/2004)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto