Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. III del 2003 numero 3161 (04/03/2003)


Per effetto di ogni atto interruttivo, come inequivocabilmente disposto dall'articolo 2945, comma 1, del Cc, inizia a decorrere un nuovo periodo di prescrizione, senza che possa affermarsi l'esistenza, nel vigente ordinamento, di un principio (non scritto) che ponga un limite temporale alla possibilità di interrompere la prescrizione. (Nella specie, in applicazione del riassunto principio, la suprema Corte ha cassato la sentenza della Corte di appello, che aveva affermato che l'articolo 2947 del Cc non consente di ritenere che la prescrizione del diritto al risarcimento dei danni da sinistro stradale possa essere procrastinata "a seguito di lettere o provvedimenti per circa undici anni e cioè dal giorno del sinistro, avvenuto il 12 dicembre 1985 sino all'atto introduttivo del giudizio notificato il 29 ottobre 1996).

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. III del 2003 numero 3161 (04/03/2003)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto