Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. III del 2001 numero 9289 (09/07/2001)


Il mandato senza rappresentanza avente ad oggetto il trasferimento di beni immobili richiede la forma scritta ad substantiam, la cui assenza rende nullo il negozio, impedendo che si costituisca il rapporto giuridico e che, conseguentemente, sorgano legittimamente obbligazioni tra le parti.In tema di rappresentanza senza potere, non è idoneo ad integrare gli estremi della ratifica tacita del negozio concluso dal falsus procurator la consegna, da parte del dominus, di un assegno rilasciato alla controparte in esecuzione del negozio inefficace.Elemento essenziale per la validità di una scrittura privata è la sottoscrizione della stessa parte del suo autore, che non trova equipollenti ne nella conclamata autografia del testo, nè nel segno di croce apposto dal soggetto da cui il documento proviene.In tema di rappresentanza, il terzo contraente ha soltanto la facoltà, e non anche l'obbligo, di controllare, a mente dell'art. 1393 cod.civ., se colui che si qualifichi rappresentante sia in realtà tale, sicchè non basta il semplice comportamento omissivo del terzo stesso per costituirlo in colpa nel caso di abuso della procura (o di mancanza della stessa), occorrendo per converso, ai fini dell'affermazione che egli abbia agito senza la dovuta diligenza, il concorso di altri elementi, e ciò tanto se l'affidamento del terzo riguardi negozi per i quali è richiesta la forma ad probationem, tanto se afferisca a negozi formali.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. III del 2001 numero 9289 (09/07/2001)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto