Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. III del 1998 numero 12788 (22/12/1998)


Nei debiti di valore, allorché il responsabile abbia corrisposto delle somme nell' intervallo di tempo intercorso tra il fatto produttivo del danno e la liquidazione definitiva, al fine di stabilire l' eventuale debito residuo ed il suo ammontare, occorre procedere alla comparazione fra valori omogenei. Il metodo più agevole è quello di esprimere in moneta attuale entrambi i valori, rivalutando dall' epoca del fatto la somma originariamente equivalente all' entità del danno e quella corrisposta in acconto dalla data in cui è stata effettivamente versata. La differenza esprimerà, in moneta attuale, il residuo credito (o anche l' eventuale debito restitutorio) del danneggiato. Ma può anche ridursi l' acconto al minor valore che, in termini di espressione monetaria, esso avrebbe avuto all' epoca del fatto produttivo del danno, effettuarsi la comparazione di cui s' è detto e rivalutarsi poi la differenza dalla stessa data all' attualità. Ovvero è possibile rivalutare l' importo originariamente equivalente al danno sino all' epoca dell' acconto, fare a quel punto un raffronto tra valori omogenei in relazione a quella data e rivalutare la differenza da tale data all' attualità.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. III del 1998 numero 12788 (22/12/1998)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto