Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. III del 1998 numero 12319 (04/12/1998)


La maggior pena o fatica provata nello svolgimento dell' attività lavorativa, e conseguente a lesioni personali causate dall' altrui atto illecito, costituisce un' ipotesi di danno alla salute, e non di lucro cessante.Quest' ultimo, invece, potrà essere ritenuto sussistente soltanto ove il danneggiato alleghi e dimostri l' esistenza di una concreta riduzione del reddito.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. III del 1998 numero 12319 (04/12/1998)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto