Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. III del 1997 numero 4945 (03/06/1997)


La norma di cui all'art. 2048 cod. civ. contempla una ipotesi di responsabilità non indiretta, bensì diretta dai genitori per il fatto illecito dei figli minori imputabili, nonchè presunta, sia pure "iuris tantum" (in deroga alla generale previsione di cui all'art. 2043 cod. civ.), fino a quando non sia stata offerta la positiva dimostrazione, da parte dei medesimi, dei precetti posti dall'art. 147 cod. civ.. La relativa valutazione è rimessa al giudice di merito e, come tale, deve considerarsi insindacabile se sorretta da adeguata e corretta motivazione.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. III del 1997 numero 4945 (03/06/1997)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto