Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. III del 1997 numero 4631 (24/05/1997)


La risarcibilità del danno verificatosi in occasione della commissione di un reato postula che il reato incida su una posizione soggettiva e tale posizione può ben essere rappresentata dal diritto alla salute nella sua esplicazione di diritto alla salubrità dell'ambiente, diritto suscettibile di tutela aquiliana diretta ed autonoma rispetto a quella indiretta ed indifferenziata apprestata dalla legge sull'inquinamento. Il danno morale soggettivo, verificatosi in occasione della compromissione anche grave della salubrità dell'ambiente a seguito di disastri colposi, dà luogo al risarcimento a condizione che sia conseguenza della menomazione dell'integrità psico - fisica o di altro evento produttivo di danno patrimoniale.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. III del 1997 numero 4631 (24/05/1997)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto