Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. III del 1997 numero 11168 (12/11/1997)


Integra infrazione all'art. 26 della legge 16 febbraio 1913 n. 89 la condotta del notaio che tenga, oltre al suo primo ufficio- studio, non un mero recapito, ma un vero e proprio altro ufficio studio, non caratterizzato dalla accessorietà rispetto al primo, e dove egli fornisca la sua "assistenza allo studio" con la sua personale presenza, ricevendo abitualmente e con orari predeterminati il pubblico e compiendo atti del suo ministero, e dove egli tenga strutture materiali e personali stabili, precostituite e dimensionate non solo alla funzione di "ricevere comunicazioni", a norma dell'art. 48, comma secondo, del R.D. 10 settembre 1914 n. 1326, bensì per l'esercizio non occasionale ma programmato delle funzioni notarili.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. III del 1997 numero 11168 (12/11/1997)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto