Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. III del 1996 numero 9835 (11/11/1996)


Poiché il danno biologico è indispensabile dal ruolo che i requisiti e gli attributi biologici della persona sono in grado di svolgere sulla capacità di produrre reddito, la sua determinazione, essenzialmente equitativa, deve avvenire mediante l' individuazione del valore umano perduto, attraverso la personalizzazione quantitativa e qualitativa dei parametri in linea di principio uniformi per la generalità delle persone. Conseguentemente, è inidoneo alla determinazione del danno biologico il criterio indicato dall' art. 4 comma terzo, D.L. 23 dicembre 1976 n. 857, convertito in legge 26 febbraio 1977 n. 39 (triplo della pensione sociale), che si riferisce alla diminuzione della capacità di produzione del reddito personale, estraneo all' essenza del danno predetto.

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. III del 1996 numero 9835 (11/11/1996)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto