Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. III del 1996 numero 8305 (17/09/1996)


Con riguardo a fatto illecito che abbia colpito il congiunto senza causarne la morte, è ammissibile la richiesta del risarcimento della lesione dei cosiddetti diritti riflessi di cui siano portatori soggetti diversi dalla vittima iniziale del fatto ingiusto (quali il diritto del coniuge a regolari rapporti coniugali, ivi compresi quelli sessuali, nell' ambito dei reciproci doveri di assistenza materiale e morale, che trova riscontro nell' art. 143 cod. civ., e il diritto dei figli all' educazione e ad un sano sviluppo psicofisico, imposto dall' art. 147 cod. civ. a carico di entrambi i genitori), quando la lesione di tali diritti sia eziologicamente collegata, in via diretta ed immediata, con il fatto illecito. Pertanto, in siffatta ipotesi, deve essere riconosciuta la legittimazione del coniuge e dei figli ad agire nei confronti dell' autore del fatto per ottenere il risarcimento dei danni subiti in conseguenza delle lesioni patite dal congiunto.

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. III del 1996 numero 8305 (17/09/1996)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto