Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. III del 1995 numero 7024 (21/06/1995)


In tema di inadempimento delle obbligazioni pecuniarie il risarcimento del maggior danno da svalutazione monetaria postula che il creditore, escluso ogni automatismo fondato sugli indici ISTAT, deduca e dimostri il pregiudizio in concreto da lui subito, avvalendosi di ogni mezzo di prova, con riferimento anche alla categoria economica di appartenenza: (nella specie, la sentenza impugnata, confermata dalla S.C., aveva determinato il maggior danno del creditore attraverso l' aumento del 2% del tasso degli interessi legali nel periodo in cui questo era stabilito nel 5% l' anno, mentre dopo che quel saggio è stato elevato al 10% l' anno ex art. 1 L. 26 novembre 1990 n. 353, aveva ritenuto che il maggior danno fosse interamente compreso nel nuovo saggio).

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. III del 1995 numero 7024 (21/06/1995)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto