Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. III del 1995 numero 4020 (06/04/1995)


Il notaio incaricato della redazione di un contratto di vendita immobiliare, e non della mera autenticazione di un contratto già da altri predisposto, il quale abbia scelto la forma della scrittura privata autenticata, e non dell'atto pubblico, è responsabile per non essersi accertato - mediante le indagini solitamente a ciò dedicate dai notai quando siano richiesti di rogare un atto pubblico - della libertà del bene da passività e da oneri non dichiarati dalle parti, quali un'iscrizione ipotecaria corrispondente ad una somma di gran lunga superiore a quella prevista nel contratto.

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. III del 1995 numero 4020 (06/04/1995)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto