Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. III del 1995 numero 10153 (26/09/1995)


La imputabilità del fatto dannoso a più persone, che abbiano autonomamente concorso a causarlo con attività soggettivamente distinte, dà origine, ai sensi dell'art. 2055 c.c., ad obbligazioni solidali, cioè a distinti rapporti sostanziali e a rapporti processuali tra loro scindibili, anche se originariamente uniti in un solo processo: conseguentemente, non è precluso in ciascuno di essi al giudice un autonomo accertamento dei fatti, anche se da questo può derivare una contraddizione logica tra giudicati.

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. III del 1995 numero 10153 (26/09/1995)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto