Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. III del 1993 numero 8200 (22/07/1993)


Il promittente compratore, nel caso in cui l' altra parte, dopo essersi obbligata a consegnare il bene promesso in un momento anteriore alla stipulazione del contratto definitivo, consegni una cosa priva di alcune delle caratteristiche convenzionalmente fissate nell' accordo preliminare o affetta da vizi che la rendano inidonea all' uso cui è destinata, può, come qualsiasi creditore, pretendere, senza necessità del previo esperimento dell' azione di adempimento della obbligazione di concludere il contratto prevista dall' art. 2932 cod. civ., l' esatto adempimento di quella autonoma obbligazione di consegna o chiedere, in casi di inesatto adempimento, la risoluzione del contratto, ma non può avvalersi della disciplina relativa alla garanzia per i vizi della cosa venduta (art. 1490 cod. civ.), che presuppone la conclusione del contratto definitivo.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. III del 1993 numero 8200 (22/07/1993)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto