Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. III del 1991 numero 809 (28/01/1991)


Nella disciplina dell'assicurazione obbligatoria della responsabilità civile derivante dalla circolazione dei veicoli a motore e dei natanti, e con riguardo all'ipotesi in cui il risarcimento a favore del danneggiato faccia carico all'I.N.A. - Fondo di garanzia per le vittime della strada - ove sia intervenuto accordo liquidatorio tra il danneggiato e l'organo delegato dell'I.N.A. - Fondo di garanzia - per la liquidazione del danno risarcibile, l'obbligazione derivante ha natura contrattuale e non può, quindi, essere assimilata a quella extra contrattuale originariamente a carico del responsabile, sicché il debito che ne deriva è debito di pecuniario, per la cui estinzione vale il principio nominalistico stabilito dall'art. 1277 cod. civ., salva l'applicazione della disciplina dell'art. 1224 cod. civ..

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. III del 1991 numero 809 (28/01/1991)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto