Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. III del 1991 numero 3468 (03/04/1991)


Il mandatario che invece di procedere all'acquisto, di cui è incaricato, per conto del mandante, vi provvede in nome e per conto proprio, distraendo a tale scopo il denaro fornitogli dal mandante per l'esecuzione dell'incarico, incorre oltre che in responsabilità contrattuale per la mancata attuazione dell'obbligo nascente dal mandato a norma dell'art. 1703 cod. civ. anche in responsabilità extracontrattuale "ex delicto", integrando tale illecito appropriazione indebita dei mezzi pecuniari somministratigli ai sensi dell'art. 1719 cod. civ., con la conseguenza che con riguardo al risarcimento del danno il suo debito per svalutazione monetaria ed interessi compensativi va computato con decorrenza non dalla data della domanda bensì da quella della detta appropriazione.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. III del 1991 numero 3468 (03/04/1991)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto