Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. III del 1990 numero 2226 (17/03/1990)


L'obbligazione risarcitoria dei soggetti che hanno concorso alla produzione del danno ha carattere solidale e non integra nel processo un'ipotesi di litisconsorzio necessario.Il risarcimento dei danni da fatto illecito non ha contenuto ed estensione diversa o più ampia di quello dovuto per l'inadempimento contrattuale, salvo in ordine alla prevedibilità del danno, la quale ha rilevanza solo per i danni da inadempimento. Di conseguenza in entrambi i casi soltanto quando il danno da risarcire si riferisca a cosa diversa dal danaro il dovuto risarcimento sostanzia un debito di valore, mentre, allorché il danno consiste nella perdita di una somma di danaro, il debito di risarcimento è e rimane debito di valuta, soggetto al principio nominalistico e alla regolamentazione dell'art. 1224 c.c. Ne discende che in quest'ultimo caso la svalutazione monetaria sopravvenuta non può costituire titolo autonomo di danni, salva la possibilità per il creditore di allegare e dimostrare di aver risentito un concreto, maggior pregiudizio derivante dalla variazione del potere di acquisto della moneta.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. III del 1990 numero 2226 (17/03/1990)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto