Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. III del 1988 numero 6138 (12/11/1988)


In tema di locazione di immobili urbani ad uso non abitativo, qualora, a causa dell' inadempimento del conduttore, sia sorta controversia con riguardo alla risoluzione del contratto e le parti abbiano definito il giudizio con un accordo transattivo, mediante reciproche concessioni, dando vita, con efficacia costitutiva di diritti, ad un nuovo contratto di locazione, detto contratto deve ritenersi stipulato per la prima volta alla data della transazione, da cui trae origine, rimanendo svincolato da quello precedente.(Affermato il principio di cui alla massima, la suprema corte ha confermato la pronuncia che aveva ravvisato una transazione novativa oggettiva e, quindi, un rapporto locativo nuovo, ai fini dell' applicabilità degli aumenti di cui all' art. 32 invece di quelli dell' art. 68 della legge dell' equo canone, in una conciliazione giudiziale nella quale, a fronte della rinuncia del locatore all' azione di risoluzione, il conduttore aveva rilasciato metà dei locali restando inalterato e, quindi, sostanzialmente raddoppiato, il canone originario).

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. III del 1988 numero 6138 (12/11/1988)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto