Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. III del 1984 numero 3610 (16/06/1984)


In un contratto per cui sia richiesta la forma scritta ad substantiam, come una compravendita immobiliare (art.. 1350 n.. 1 cod. civ.), l' esigenza dell' elemento formale investe le dichiarazioni di entrambe le parti, che, quindi, per avere giuridica rilevanza, devono essere manifestate, ancorché in tempi diversi, in forma scritta, senza possibilità di equipollenti. Pertanto, la dazione di un assegno in conto prezzo, pur costituendo comportamento concludente, non può valere come manifestazione di volontà idonea a perfezionare una tale compravendita.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. III del 1984 numero 3610 (16/06/1984)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto