Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. III del 1980 numero 1625 (11/03/1980)


Le deliberazioni dell'assemblea e del consiglio di amministrazione di una società di capitali, fatta eccezione per la deliberazione aventi un oggetto impossibile o illecito, le quali sono espressamente dichiarate nulle dall'articolo 2379 cod.civ., sono impugnabili soltanto nei limiti e dai soggetti che abbiano un titolo di legittimazione ai sensi degli artt. 2377, 2378 e 2391 cod.civ. La rappresentanza giudiziale di una società di capitali può essere assunta in base a delega regolarmente conferita, anche da un soggetto diverso da quello che ne riveste la qualificia di rappresentante in conformità dello statuto, tranne che quest'ultimo non ne faccia espresso divieto.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. III del 1980 numero 1625 (11/03/1980)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto