Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. III del 1977 numero 5303 (07/12/1977)


L' art. 1298 cod. civ. - pur dettando una regola generale in tema di rapporti interni tra debitori o creditori solidali - è inapplicabile alle obbligazioni nascenti da fatto illecito, nelle quali l' onere che ciascun coobbligato è tenuto a sopportare nei confronti degli altri coobbligati è commisurato e proporzionato alla relativa colpa ed all' entità delle conseguenze che ne sono derivate. Pertanto, nei casi di responsabilità dei proprietari di autoveicoli per i danni provocati da chi era alla guida degli autoveicoli medesimi, l' applicazione del principio della ripartizione dell' onere tra i coobligati, in proporzione della loro colpa, determina l' esclusione di ogni possibilita di attribuire al proprietario dell' autoveicolo una qualsiasi parte dell' onere nei rapporti interni con il responsabile diretto del fatto illecito,poiche solo all' azione colposa di quest' ultimo si ricollega la responsabilità, tanto che questa non può essere affermata se si esclude la colpa dell' autore diretto dell' illecito.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. III del 1977 numero 5303 (07/12/1977)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto