Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. III del 1971 numero 1096 (16/04/1971)


Nel caso di omessa pronuncia la parte ha, normalmente, la possibilità di scelta fra due soluzioni: o impugnare la sentenza per ottenere che si rimedi emettendo, in sede di impugnazione, la pronuncia fino a quel punto omessa, o riproporre la domanda in separato giudizio; naturalmente diverso è il caso in cui si possa desumere dalla sentenza il rigetto, sia pure implicito, della domanda non accolta; non verificandosi allora l'ipotesi di una omessa pronuncia, il solo rimedio possibile è quello dell'impugnazione; altrettanto, e per la stessa ragione, accade quando il capo di domanda su cui si è espressamente provveduto non è autonomo: in tale ipotesi la decisione di rigetto si desume per implicito da quella adottata sulla rimanente parte della domanda stessa. L'art. 389 cod.proc.civ. che faculta la parte a chiedere dinnanzi al giudice di rinvio le reintegrazioni e le restituzioni conseguenti alla sentenza di cassazione, non assegna a detto giudice una competenza assoluta ed inderogabile in materia: il legislatore non ha inteso cioè prescrivere obbligatoriamente la riunione delle domande di restituzione e reintegrazione e quella di merito, che si svolge dinnanzi al giudice del rinvio; esaurito quindi il giudizio di rinvio le domande di cui sopra possono essere proposte al giudice competente secondo le comuni regole sulla competenza.

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. III del 1971 numero 1096 (16/04/1971)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto