Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. II del 2016 numero 4825 (11/03/2016)



Il contratto di rendita vitalizia ha natura aleatoria, postulando l'esistenza di una situazione di incertezza circa il vantaggio o lo svantaggio economico che potrà alternativamente realizzarsi nello svolgimento e nella durata del rapporto. Ne deriva che tale contratto è nullo per difetto di causa quando, a causa dell'età del vitaliziato, il canone versato è così sproporzionato rispetto al valore dei beni trasferiti da escludere l'aleatorietà dell'accordo. La prestazione posta a carico dell'onerato, infatti, deve essere tale da poter potenzialmente intaccare il costo del cespite trasferito.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. II del 2016 numero 4825 (11/03/2016)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto