Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. II del 2013 numero 9180 (16/04/2013)




Ai fini dell'interpretazione del testamento è ammesso il ricorso ad elementi estrinseci solo in via sussidiaria, ove cioè dal testo dell'atto non emerga con certezza l'effettiva volontà del de cuius, sempreché trattasi di elementi riferibili allo stesso, quali ad esempio la sua mentalità, cultura, condizione sociale, dovendo tale indagine essere condotta sulla base dell'esclusivo esame dell'atto. (Nella specie deve escludersi che la lettera scritta poco prima di morire dal de cuius possa costituire una revoca implicita del precedente testamento olografo laddove risulta troppo generica proprio nella disposizione relativa alla costituzione di erede, lasciando intendere che la missiva non possa esprimere più che meri propositi futuri rimasti inattuati per il sopraggiungere del decesso).

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. II del 2013 numero 9180 (16/04/2013)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto