Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. II del 2013 numero 27413 (06/12/2013)




Ai fini della qualificazione di una apertura quale veduta, suscettibile di integrare una servitù, è necessario che la stessa, per le sue caratteristiche ubicative, strutturali, dimensionali, sia permanentemente e concretamente idonea a consentire un comodo “affaccio”, tale da permettere non solo l’inspectio in alienum, vale dire la visione sul fondo altrui, ma anche la prospectio, ossia la possibilità per l’osservatore si sporgersi con il capo, al fine di esercitare una visione frontale, laterale o obliqua, senza dover ricorrere a mezzi artificiali, a manovre complesse o acrobatiche.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. II del 2013 numero 27413 (06/12/2013)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto