Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. II del 2012 numero 4143 (15/03/2012)




In tema di annullabilità del contratto concluso dal rappresentante con se stesso l’autorizzazione data dal rappresentato al rappresentante a concludere il contratto con se stesso in tanto può considerarsi idonea ad escludere la possibilità di un conflitto di interessi, e quindi l’annullabilità del contratto, in quanto sia accompagnata dalla puntuale determinazione degli elementi negoziali sufficienti ad assicurare la tutela del rappresentato; ne consegue che tale autorizzazione non è idonea quando risulti generica, non contenendo, tra l’altro, alcuna indicazione in ordine al prezzo della compravendita, che impedisca eventuali abusi da parte del rappresentante.

Per ritenere sussistente l’autorizzazione in caso di contratto con se stesso, è essenziale la certezza che vi sia stata piena consapevolezza della situazione di conflitto. In altre parole, si può affermare che è sufficiente senza altre specificazioni, perché vi sia valida autorizzazione, la conoscenza della stipula con se stesso che il rappresentante va a intraprendere, ma è necessario che sia certa la consapevolezza da parte del rappresentato di questo particolare tipo di conflitto.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. II del 2012 numero 4143 (15/03/2012)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto