Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. II del 2012 numero 10592 (25/06/2012)




In tema di prova della simulazione, non è terzo, ai fini del regime dettato dall'art. 1417 c.c., il promissario acquirente dell'interponente di una precedente compravendita simulata, il quale intenda far valere, impugnando per simulazione il relativo contratto, che il proprio dante causa, pur non essendo formalmente intestatario del bene compromesso in vendita, aveva realmente acquistato, celandosi dietro l'interposto. Invero, detto promissario, pur non essendo partecipe della simulazione, non può non risentire delle conseguenze che l'interposizione fittizia comporta per il suo dante causa, il quale sostenga di essere il dissimulato acquirente, ponendosi entrambi in una situazione di convergenza sostanziale di interessi, in quanto il primo deriva e ripete in tutto la propria posizione dal secondo.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. II del 2012 numero 10592 (25/06/2012)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto