Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. II del 2011 numero 17430 (19/08/2011)




Nell’ambito dell’obbligazione di mezzi e non di risultato a carico del professionista, l’inadempimento non può essere desunto da un errore ma soltanto dalla violazione dell’obbligo di diligenza. Né vi è contraddizione tra l’affermazione dell’esistenza di un errore e l’affermazione di assenza di colpa anche lieve, dal momento che è possibile errare incolpevolmente. Ne consegue che deve essere escluso l’inadempimento del direttore dei lavori che risulta aver sbagliato il computo metrico di un opera laddove si è successivamente scoperto che le bolle di consegna del calcestruzzo erano false, ingenerando incertezza sulla quantità effettiva del materiale.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. II del 2011 numero 17430 (19/08/2011)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto