Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. II del 2011 numero 10756 (16/05/2011)





Il contratto preliminare di vendita di immobile descritto come "attico" ma indicato in catasto come "vano lavanderia e ripostiglio" e risultato privo del certificato di abitabilità, può essere
risolto per inadempimento del venditore, dal momento che nel linguaggio comune il termine "attico" ha l'inequivoco significato di indicare l'appartamento posto all'ultimo piano ell'edificio e giammai un vano lavanderia o un lavatoio.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. II del 2011 numero 10756 (16/05/2011)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto