Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. II del 2010 numero 21844 (25/10/2010)




La ratifica di un preliminare di vendita immobiliare, sottoscritto da un falsus procurator, non richiede che il dominus manifesti per iscritto espressamente la volontà di far proprio quel contratto, potendo avvenire anche implicitamente, purché sia rispettata la forma scritta, e risultare da un atto dal quale risulti in modo inequivoco la volontà del dominus incompatibile con quella di rifiutare l’operato del rappresentante senza potere.

Quando una parte ha chiesto la pronuncia di una sentenza costitutiva che tenga luogo del contratto definitivo non concluso e non sia possibile pervenire a detta pronuncia per non essere stata raggiunta la prova che l’immobile sia costruito con licenza o dell’esistenza di concessione edilizia o dell’esistenza della prescritta documentazione alternativa, il giudice non incorre in extrapetizione se si limita a dichiarare l’inadempimento del promittente venditore a fronte del diritto del promissario acquirente al trasferimento della proprietà del bene.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. II del 2010 numero 21844 (25/10/2010)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto