Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. II del 2006 numero 7274 (29/03/2006)


Le norme che stabiliscono la indivisibilità di un bene, in relazione all'uso cui è destinato, attengono alla disciplina dello scioglimento giudiziale della comunione e non comportano alcun limite al potere dei comproprietari di addivenire in qualunque modo a uno scioglimento contrattuale della comunione e di disporre incondizionatamente dei beni, mutandone convenzionalmente tanto l'uso quanto la destinazione originaria nella individuazione di quelli da attribuire a ciascun condividente e nella determinazione di quelli designati a rimanere o divenire comuni, salvo solo l'impedimento derivante da ragioni fisiche o da vincoli di leggi speciali.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. II del 2006 numero 7274 (29/03/2006)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto