Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. II del 2006 numero 22835 (24/10/2006)


Nel caso di un edificio la cui proprietà sia divisa per piani, il sottosuolo, ancorché non menzionato espressamente dall'art. 1117 c.c.per il combinato disposto con l'art.840 c.c., va considerato anch'esso di proprietà comune in mancanza di un titolo, che ne attribuisca la proprietà esclusiva a uno dei condomini, sia in relazione alla previsione normativa dell’estensione della proprietà del suolo al sottosuolo, con tutto ciò che vi contiene, sia con riguardo alla funzione di sostegno che esso contribuisce a svolgere per la stabilità del fabbricato. Pertanto, un condomino non può procedere, senza il consenso degli altri partecipanti alla comunione, all' escavazione in profondità del sottosuolo per ricavarne nuovi locali o per ingrandire quelli preesistenti di sua proprietà, giacché attraendo la cosa comune nell'orbita della sua disponibilità esclusiva viene a ledere il diritto di proprietà degli altri condomini su una parte comune dell'edificio.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. II del 2006 numero 22835 (24/10/2006)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto