Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. II del 2005 numero 9231 (04/05/2005)


Qualora due coniugi, in regime di comunione legale dei beni, abbiano acquistato quote indivise di eredità di cui altra quota sia già di proprietà esclusiva di uno di essi iure hereditatis, deve escludersi che gli altri coeredi abbiano il diritto di riscatto nei confronti della quota acquistata dal coniuge estraneo alla comunione. In una tale evenienza, infatti, la qualità di partecipe della comunione ereditaria di uno dei coniugi esclude il diritto di prelazione all'acquisto in favore degli altri coeredi, che la disposizione dell'articolo 732 del Cc riconosce solo nell'ipotesi in cui un coerede intenda alienare la sua qualità o parte di essa a un estraneo, ossia a chi non partecipi all'eredità di cui si tratta. Una diversa lettura degli articoli 177 e 732 del Cc (che riconoscesse applicabile il diritto di prelazione e il retratto) inoltre si pone in contrasto con il principio di uguaglianza di cui all'articolo 3 della Costituzione, nonché con il valore della famiglia, di cui all'articolo 29 della Costituzione.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. II del 2005 numero 9231 (04/05/2005)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto