Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. II del 2004 numero 8119 (28/04/2004)


Lo spazio sottostante al suolo, sul quale sorge un edificio condominiale, posto tra i muri maestri, i pilastri o altre opere che integrano le fondazioni e fino a questo livello, rientra nel concetto di sottosuolo. Quest'ultimo, anche se non viene menzionato in maniera esplicita dall'art. 1117 del Codice civile, deve essere considerato di proprietà comune, in mancanza di un titolo che ne attribuisca la proprietà esclusiva a uno dei condomini. Il sottosuolo, infatti, svolge la funzione di sostegno del fabbricato, indipendentemente dalla destinazione a servizi di interesse collettivo o dalla possibilità di questa utilizzazione. Ne consegue che lede il diritto di comproprietà l'opera di scavo, di quaranta centimetri in profondità del sottosuolo, eseguita da parte di un condomino, allo scopo di ingrandire il proprio locale al piano terra.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. II del 2004 numero 8119 (28/04/2004)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto