Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. II del 2004 numero 14594 (30/07/2004)


Qualora il diritto di abitazione spettante al coniuge superstite cada sulla residenza familiare del de cuius sita in un immobile in comproprietà lo stesso deve convertirsi nel suo equivalente monetario. Il diritto di abitazione in questione, infatti, trova limite e attuazione in ragione della quota di proprietà del defunto, cosicché ove per l'indivisibilità dell'immobile non possa attuarsi il materiale distacco della porzione dell'immobile spettante e l'immobile venga assegnato per intero ad altro condividente, deve farsi luogo all'attribuzione dell'equivalente monetario del diritto di abitazione. Lo stesso principio è applicabile nell'eventualità in cui a seguito della vendita all'incanto dell'immobile ritenuto indivisibile si verrebbe a creare la convergenza, sullo stesso bene, del diritto di proprietà piena acquisito dal terzo aggiudicatario su quota dell'immobile e del diritto di abitazione spettante al coniuge superstite senza la possibilità di concreta separazione della porzione spettante a quest'ultimo.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. II del 2004 numero 14594 (30/07/2004)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto