Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. II del 2003 numero 8422 (27/05/2003)


L'animus possidendi consiste unicamente nell'intento di tenere la cosa come propria mediante l'attività corrispondente all'esercizio della proprietà o di altro diritto. Deve, pertanto, essere cassata la sentenza del giudice del merito che neghi la tutela possessoria invocata dall'attore sul rilievo che fa difetto, nella specie, l'animus corrispondente, essendo l'attore consapevole di non avere un titolo valido su cui fondare la pretesa (servitù di passaggio, costituita in forza di un accordo verbale mai perfezionatosi). Non solo, infatti, accertato il corpus possessionis, l'animus è presunto, ai sensi dell'articolo 1141 del Cc, ma tale presunzione può essere vinta solo dalla prova che colui che esercita il potere di fatto abbia iniziato a esercitarlo come detenzione

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. II del 2003 numero 8422 (27/05/2003)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto