Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. II del 2003 numero 12898 (04/09/2003)


Anche l'usucapione decennale della servitù apparente presuppone la sussistenza di un atto a titolo particolare che sia astrattamente idoneo ad attuare il trasferimento del diritto che si assume usucapito e tale atto , per la servitù, deve consistere in un titolo con il quale il soggetto non proprietario del fondo servente e, comunque, non legittimato, abbia costituito una servitù in favore del suolo dominante il cui titolare ne vanti, poi, l'acquisto per usucapione. Tale non può essere il contratto di vendita del fondo dominante nel quale sia contenuta eventualmente una clausola che trasferisca la servitù a favore del fondo oggetto del trasferimento cui essa inerisce, quando allo stesso atto non abbiano partecipato, oltre al proprietario del fondo a cui vantaggio opererebbe la servitù, anche l'apparente proprietario del fondo servente nei cui confronti deve operare la trascrizione prevista dall'art. 1159 C.c.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. II del 2003 numero 12898 (04/09/2003)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto