Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. II del 2000 numero 571 (19/01/2000)


E' necessaria la proposizione della querela di falso, avverso un atto pubblico rogato da un pubblico ufficiale, se questi attesti fatti difformi dal vero, ancorché rispecchianti le dichiarazioni resegli dalle parti…" - Nella motivazione é riportato: "Pertanto, trattandosi di divergenza tra quanto effettivamente verificatosi in presenza del notaio e quanto dal Notaio attestato, correttamente la Corte del merito ha ritenuto ammissibile la querela di falso quale unico rimedio idoneo, ai sensi dell'art. 2700 c.c., a vincere la presunzione di veridicità di cui era dotato l'atto pubblico."

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. II del 2000 numero 571 (19/01/2000)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto