Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. II del 1999 numero 5233 (29/05/1999)


La sentenza pronunciata nei confronti di una società in nome collettivo - la quale, ancorché priva di personalità giuridica, costituisce, in ragione della propria autonomia patrimoniale, un centro di imputazione di rapporti distinto da quello riferibile a ciascun socio, ed è fornita di una propria capacità processuale - non fa stato nei confronti dei soci che non siano stati parte del relativo giudizio, e, che, pertanto, non sono legittimati ad impugnare la sentenza stessa. Né tale legittimazione può ritenersi sussistente in capo al singolo socio, che agisca in proprio, quale "successore " della società, nella ipotesi di cancellazione della stessa. Ed infatti, la cancellazione dal registro delle imprese ha funzione di pubblicità, e non produce estinzione della società, la quale rimane in vita fino a quando non siano liquidati i rapporti derivanti dall'attività sociale, o a questa connessi, in tal caso spettando la rappresentanza processuale della società in questione ai liquidatori.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. II del 1999 numero 5233 (29/05/1999)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto