Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. II del 1997 numero 10364 (22/10/1997)


L'impegno dell'appaltatore a provvedere all'eliminazione dei vizi dell'opera da lui realizzata sostanzia un implicito, unilaterale riconoscimento dell'esistenza di tali vizi, ed integra gli estremi di un' obbligazione nuova, rispetto quella originaria di garanzia, svincolata dai termini di decadenza e di prescrizione di cui all'art. 1667 cod. civ., e, dunque, soggetta all'ordinario termine prescrizionale di dieci anni.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. II del 1997 numero 10364 (22/10/1997)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto