Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. II del 1995 numero 7078 (22/06/1995)


Salva diversa volontà delle parti, la penale prevista per l' inadempimento non può essere applicata anche per il semplice ritardo solo perché nel contratto è stato previsto un termine (non essenziale) di adempimento dell' obbligazione perché, attesa la tendenziale incompatibilità tra il diritto alla penale ed il conseguimento della prestazione principale (art. 1383 cod. civ.), si renderebbe, altrimenti, più gravosa, per il debitore,la responsabilità derivante dall' inadempimento meno grave, costituito da quel ritardo che non faccia perdere all' obbligazione la sua utilità e che, quindi, consenta anche l' inadempimento tardivo, rispetto alla responsabilità derivante dall' inadempimento definitivo, in cui, salva diversa pattuizione, la clausola ha l' effetto di limitare il risarcimento del danno alla penale convenuta.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. II del 1995 numero 7078 (22/06/1995)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto