Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. II del 1995 numero 10842 (18/10/1995)


Quando le parti si rivolgono ad un notaio per ottenere la sua consulenza, quale tecnico del diritto in relazione ad un contratto da esse o da altri predisposto, mirano ad assicurarsi che il contratto stesso sia non solo formalmente perfetto, ma anche idoneo a produrre il risultato pratico perseguito. Pertanto, versa in colpa professionale il notaio che, richiesto di una consulenza in ordine ad un contratto preliminare, da altri o dalle parti predisposto, non prospetti all' acquirente l' opportunità di effettuare le visure ipotecarie, al fine di accertare la libertà dell' immobile, oggetto della promessa di trasferimento, da trascrizioni o iscrizioni pregiudizievoli. Il notaio resta, invece, esente da tale colpa solo nel caso in cui la consulenza richiestagli sia espressamente limitata alla regolarità formale del contratto sottoposto al suo esame.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. II del 1995 numero 10842 (18/10/1995)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto