Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. II del 1994 numero 1257 (08/02/1994)


Nell' ipotesi di acquisto di un immobile con danaro proprio del disponente e di intestazione dello stesso bene ad un altro soggetto, che il disponente abbia inteso in tale modo beneficiare, costituendo la vendita mero strumento formale di trasferimento della proprietà del bene per l' attuazione di un complesso procedimento di arricchimento del destinatario del detto trasferimento, si ha donazione indiretta non già del danaro ma dell' immobile poiché, secondo la volontà del disponente, alla quale aderisce il donatario, di quest' ultimo bene viene arricchito il patrimonio del beneficiario; conseguentemente il conferimento, ai sensi dell' art. 737 cod. civ., avrà ad oggetto l' immobile, con il valore acquisito al tempo dell' apertura della successione e non il danaro impiegato per l' acquisto.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. II del 1994 numero 1257 (08/02/1994)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto