Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. II del 1993 numero 1918 (16/02/1993)


La licenza comunale per l'esercizio del commercio di vendita al pubblico, quale autorizzazione amministrativa che tende unicamente a disciplinare nell'interesse pubblico l'esecuzione dell'attività commerciale, ha carattere personale e non può essere trasmessa in virtù di semplice accordo fra soggetti privati né può intervenire nei rapporti giuridici di carattere negoziale privato, che abbiano attinenza con l'attività dell'esercizio. Ne deriva che la cessione della licenza per via negoziale, risultando contraria a norme imperative, è colpita da nullità, ai sensi dell'art. 1418 cod. civ., ancorché la licenza venga trasferita secondo l'intenzione delle parti come un elemento dell'azienda alla cui gestione si riferisce.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. II del 1993 numero 1918 (16/02/1993)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto