Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. II del 1992 numero 11283 (15/10/1992)


Nelle obbligazioni pecuniarie "il maggior danno" di cui all' art. 1224 comma 2 cod. civ. riguardato con riferimento alla svalutazione monetaria, deve essere domandato e dimostrato dal creditore e può provarsi anche mediante presunzioni e dati notori acquisiti dalla comune esperienza e desumibili dalle condizioni e qualità personali del creditore medesimo, tenendo presente il principio secondo cui per aversi presunzione giuridicamente valida non è necessario che tra il fatto noto ed il fatto ignoto sussista un rapporto di esclusiva necessità causale, ma è sufficiente che il fatto da provare derivi dal primo come conseguenza ragionevolmente possibile e verosimile secondo un criterio di normalità (nella specie, in applicazione del principio di cui in massima la SC. ha confermato la decisione dei giudici del merito che nell' attribuzione del "maggior danno" avevano fondato sulla professione del creditore di dottore commercialista e quindi esperto in operazioni finanziarie la presunzione di proficuo investimento della somma di denaro dovutagli, in guisa da sottrarla alla svalutazione monetaria intervenuta "medio tempore").

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. II del 1992 numero 11283 (15/10/1992)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto