Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. II del 1991 numero 447 (18/01/1991)


In caso di inadempimento di una promessa di vendita da parte del promittente venditore, il danno da lucro cessante subito dal promittente compratore che ha versato interamente il prezzo, consistente nel mancato incremento patrimoniale per il mancato trasferimento dell' immobile, si determina raffrontando il valore dello immobile al momento della liquidazione con il prezzo nominale già corrisposto che il creditore non ha potuto diversamente impiegare e che, in quanto versato, costituisce un valore omogeneo al valore attuale dello immobile, senza che, di conseguenza, debba essere rivalutato, perché il venditore, avendolo ricevuto tempestivamente, nessun danno ha subito per effetto della svalutazione.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. II del 1991 numero 447 (18/01/1991)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto