Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. II del 1991 numero 2712 (14/03/1991)


Ai fini del conferimento della rappresentanza a vendere beni immobili è necessario che il rappresentante faccia pervenire volontariamente la procura a conoscenza del rappresentante, con la conseguenza che tale conferimento non può ritenersi verificato se il rappresentato abbia trattenuto la procura presso di sé o presso un proprio fiduciario.Poiché la procura irrevocabile è un negozio unilaterale recettizio, costituito dall' unica dichiarazione di volontà del rappresentato, solo quest' ultimo può chiedere, ai sensi dell' art. 72 della legge 16 febbraio 1913 n. 89, la restituzione della relativa scrittura privata al notaio che abbia autenticato la sottoscrizione.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. II del 1991 numero 2712 (14/03/1991)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto