Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. II del 1990 numero 3441 (24/04/1990)


L' apparenza della servitù, necessaria perché possa indursi una presunzione di conoscenza del suo esercizio da parte del proprietario del fondo servente, deve essere verificata caso per caso, tenendo conto comunque della necessità che esista una situazione di fatto la quale inequivocabilmente riveli per struttura e consistenza l' onere gravante su un fondo a vantaggio di un altro, ancorché la apparenza non debba estendersi in ogni caso all' opera nel suo complesso e pertanto anche a quelle parti che per essere a volte defilate ed interne - non avendo una intrinseca rilevanza espressiva - sono necessariamente non apparenti. (Nell' affermare il suddetto principio la suprema corte ha confermato la sentenza del merito che, avendo riguardo alla peculiarità di un condotto fognario, necessariamente interrato, aveva considerato, che la presenza dell' opera, anche se non visibile nel suo complesso, doveva ritenersi percettibile in occasione delle operazioni di espurgo del canale di scarico che i proprietari del fondo servente - alla cui fogna era stata allacciata quella del fondo confinante - dovevano necessariamente effettuare con cadenze periodiche e continuative).

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. II del 1990 numero 3441 (24/04/1990)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto