Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. II del 1988 numero 6849 (16/12/1988)


In tema di società semplice l' art. 2284 cod. civ. prevede, in caso di morte di un socio (ove non sia diversamente disposto dal contratto sociale) la liquidazione della quota, o lo scioglimento della società, ovvero la continuazione della società da parte dei soci superstiti con gli eredi del socio defunto. In tale ultimo caso è necessario un accordo con questi ultimi e tale accordo - che non richiede forma scritta e può anche risultare da fatti concludenti - comporta che l' erede del socio defunto acquista la qualità di socio non iure successionis ma per effetto dell' atto inter vivos.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. II del 1988 numero 6849 (16/12/1988)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto